Attesa

Le Mordycchiate di Mordy e Paola

La nebbia e l’attesa, binomio inscindibile, reso liquido ed avvolgente dal fiume e da quell’orizzonte che sfuma come in uno di quei film francesi appartenenti alla corrente del realismo poetico realizzati tra il 1930-1940, interpretati da Michel Simon, Jean Gabin et Michèle Morgan. La tua immagine mi rammenta René Clair, Jean Renoir, Marcel Carné, un periodo del cinema che amo molto. Torino si presta perfettamente in questa stagione ad evocare quelle atmosfere che negli anni sessanta verranno riprese da Gino Cervi in Maigret. La letteratura ed il cinema in questa foto si sono ritrovati uniti e devono ringraziare la tua sensibilità e l’umore di questa città in una stagione amata anche dai pittori come Andrew Wyeth che,cito testualmente, sosteneva: — “Io preferisco l’inverno e l’autunno, quando si sente la struttura ossea del paesaggio – la sua solitudine, il sentimento che rammenta la morte ad esso sotteso, dall’inverno comunicato e trasmesso…

View original post 26 more words

“I fotografi si raccontano”: Lillo Bonadonna

Photographia

Lillo Bonadonna è nato il 1 maggio del 1969, poche settimane prima che l’uomo raggiungesse per la prima volta la Luna e lasciasse le sue impronte su quel satellite associato all’anima ed al corpo delle donne dalle culture più antiche, simbolo dell’essenza della femminilità.

10408494_321462084708410_426734583516105530_n

Osservando i suoi ritratti si scopre una simbiosi struggente tra la sua sensibilità ed un universo, quello femminile che abita e veste il corpo e lo sguardo di ogni donna, donandoci mistero e sensualità, dolcezza e fragilità, forza ed abbandono allo stesso tempo.  L’autore di questi scatti conosce molto bene le donne, quelle della sua terra, la Sicilia, sa che da tempi immemorabili parlano con gli occhi e non smettono mai di farlo neppure invecchiando. Le scoprirete in ogni sua fotografia mentre vi guarderanno  attraverso occhi limpidi e fieri, dolci e severi, affascinanti e diretti, orgogliosi e consapevoli di essere la sorgente di una fonte di…

View original post 788 more words