JOHN DONNE, sull’amore coniugale

Tracce e Sentieri

Nel letto accompagnando la sua Donna

Vieni o Signora mia, che le mie forze

per te operose si faranno, e intente

nel lavoro saranno, a tanto impegno.

Il nemico, quando un nemico avvista

si sfianca in ozio, pur senza lottare.

Via quella tua cintura scintillante,

stellato ciel, su cielo ancor più vago,

via quel velo dai seni, che ti cela

a difesa di sguardi intenti e sciocchi.

E armoniosa, deponi ogni legame,

che è giunto il tempo di letto d’amore.

Via quel divino busto, invidia mia,

perchè per sempre può averti vicino.

Cada la veste e il dolcissimo corpo

mi si riveli, come quando l’ombra

dal colle scema e mostra i prati in fiore.

Via quei fermagli dai capelli, sciogli

il diadema di chiome sul tuo capo.

Via quei calzari e penetra nel sacro

mio letto, soffice tempio d’amore.

In bianche vesti gli Angeli celesti

erano attesi dagli uomini, ed…

View original post 237 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s