William Faulkner, il discorso per il Nobel del 1949

Tra sottosuolo e sole

Sto leggendo “La paga del soldato” di William Faulkner. Ne scriverò appena terminato. Mi sono accorto che su questo blog Faulkner è pressoché assente. Il motivo è semplice: lessi i suoi libri tanti anni fa, uno di fila all’altro, quando ancora non mi dilettavo con blog e pseudo-recensioni. Ricordo, tanto per citarne alcuni, “L’urlo e il furore”, “Mentre morivo”, “Santuario”, “Requiem per una monaca”, “Luce d’agosto”.

Considero Faulkner uno dei miei scrittori preferiti. Ho cercato sul web la cerimonia di premiazione per il Nobel del 1949, ho trovato l’audio e il testo (sul sito ufficiale del Nobel), ma nessuna traduzione. Ho cercato di tradurla al meglio, anche se specie in un passaggio mi sono un po’ “perso”. Riporto tutto di seguito. Naturalmente, sono ben accette correzioni.

“Ladies and gentlemen,

I feel that this award was not made to me as a man, but to my work – a…

View original post 1,076 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s