Photosatriani of the Month (PoM) – Marzo 2015

photosatriani

1-Antonio Torkio-Lucca-Gabbia

El ganador del concurso Photosatriani-of-the-Month para el mes de Marzo es Antonio Torkio con su “Lucca”, publicada en La Gabbia Armonica. Es una imagen que pone al centro de nuestra atención un modesto tiovivo de barrio, gracias al contraste que el fotógrafo ha sabido plasmar entre sus luces, sus colores y la emoción del niño que cabalga un tigre, respeto a la frialdad del entorno exterior compuesto por un otoño recién llegado, por la lluvia, por la gente que anda con paraguas, por una bici abandonada, por un chico en una bici mirando no se sabe bien que, y por dos personas que sienten la atracción por lo que ocurre en el tiovivo: la primera, sentada en un banco con un paraguas abierto y la segunda que duda si hacer fotos. El punto de vista elegido y el ligero efecto tilt shift, han sido usados de manera muy apropiada por…

View original post 494 more words

Advertisements

3 comments on “Photosatriani of the Month (PoM) – Marzo 2015

  1. Grazie per condividerlo e farmi scoprire questo mondo segreto di parole! Ti scrivero’ per saperne di piú!

    • Grazie a te, questo mondo segreto delle parole non è tale se non per chi non lo attraversa imparandole una dopo l’altra, giorno dopo giorno, pronunciandole, leggendole, fotografandole, imparando a disegnarle attraverso segni antichi e moderni, vivendole. Diamo poca importanza al potere delle parole, le stiamo concentrando in messaggi sempre più elusivi e schematici, forse è tempo che le immagini prendano il sopravvento come fossero nuove incisioni rupestri da cui ripartire per realizzare il sogno di ogni essere umano: comunicare. Molti vogliono essere letti per saperne di più di se stessi, tu invece hai capito che è nello scrivere il vero segreto-non segreto delle parole e del loro mondo. Fluiscono ovunque e si fanno leggere in tanti modi diversi rispetto a quello che portano in sè stesse, dipende dai vissuti e dal significato che gli diamo. La grammatica e la sintassi non sono opinioni ma il senso di un aggettivo o di un sostantivo muta in modo impercettibile ma profondo allo stesso tempo. Come chi si vede e legge per la prima volta negli occhi di chi guarda e comprende che dal quel preciso istante farà la stessa cosa entrando negli occhi altrui, lascerà allo sguardo il potere di creare un nuovo alfabeto, un nuovo fluire del tempo e dello spazio, nuove connessioni. Questo intendevo quando pensavo al segreto insito nel linguaggio, in tutti i linguaggi, nella musica come nella pittura, nei gesti come nei profumi, nell’odorato, come accade per il tatto nei ciechi come pure nei vedenti, mentre le parole tentano di compiere un passo in più, un incantesimo da spezzare come l’incomprensione che spesso generano. Che paradosso vero? Più si usano le parole, più si imparano, meno cose si hanno da dire e gli altri sensi prendono il sopravvento, una compensazione naturale, forse! Un saluto……

      • Risponderó pero devo prima riprendermi da tanta bellezza!!! Paola, condividido fino all’ultima virgola ció che hai scritto ed e’ la ragione per cui scrivo e fotografo!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s